Area riservata

Newsletter

Nome:
E-mail:

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi
 60 visitatori online

Una teoria per i tributaristi

Questo sito vuol contribuire a una teoria della tassazione, conciliando quella ragionieristica attraverso le aziende con quella valutativa attraverso gli uffici. Pur cercando di essere comprensibile da tutti, parte da aspetti facilmente inquadrabili dagli operatori del settore. www.giustiziafiscale.com   si rivolge invece direttamente agli opinion makers e agli esponenti della pubblica opinione. Sull'organizzazione sociale in generale www.organizzazionesociale.com

Home Frodi fiscali Lesternalizzazione fraudolenta del lavoro dipendente
Lesternalizzazione fraudolenta del lavoro dipendente PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 11 Luglio 2009 15:35
Abbiamo sempre scritto che le tasse si pagano sui costi, nel senso che i costi sono un "driver" per la dimensione aziendale, impongono rigidità e comportano visibilità. Ma ci sono dei correttivi ingegnosi, dove probabilmente. si dimostra fallace anche l'idea, normalmente vera, che la consulenza cominci dove finisce l'evasione. E' vero che i dipendenti sono un elemento di rigidità , ma se io li trasformo in padroncini? Se trovo un kapo(rale) che me li organizza e dico loro "volete lavorare"? Allora vi costituite  come una cooperativa, io vi indico le prestazioni che dovete fare "chiavi in mano" e .le fatturate a me. Ho visto un grande negozio di mobili che in questo modo andava avanti con solo tre addetti ai fini degli studi di settore. I sorveglianti ed i montatori dei mobili erano in buona parte "esternalizzati" in ditte e cooperative autonome, e lo stesso è verosimile accada per le cooperative di facchinaggio, trasporto, servizi infermieristici, badanti etc.. Bisogna forse stare attenti all'intermediazione di manodopera, però si crea in questo modo quella connivenza irresponsabile che costituisce un filo conduttore tra  le frodi carosello , i dividend washing e tanti altri fenomeni dove si può dire "sono forse il guardiano del mio fornitore" o della mia controparte ? Trasformare un dipendente in un fornitore, o un gruppo di dipendenti in fornitori costituisce un modo per disarticolare l'organizzazione , evitandone quelle rigidità che poi costringono a manifestare la ricchezza al fisco. Poi può essere che i dipendenti si mettano insieme anche per conto proprio. Ma il punto comune è che non hanno avviamento, beni materiali o altri assets da perdere. L'organizzazione è "altrove", e qualcosa del genere accadde anche per i lavoratori a domicilio che avevamo descritto sul numero 5 del 2010 di dialoghi. E già che ci siamo ci può stare anche una froda carosello. E' l'esternalizzazione dell'organizzazione e dell'evasione. Dove un gruppo sociale senza nulla da perdere attribuisce costi ad un acquirente senza dichiarare i relativi ricavi.L'acquirente avrebbe qualcosa da perdere, ma non ha responsabilità, tutte in capo a un fornitore senza nulla da perdere. E' più agevole del salario base sindacale in bianco, resto in nero, che pare sia molto diffuso, con buona pace della favoletta degli onesti e dei disonesti. In realtà, quando uno stato non sa organizzarsi per chiedere le imposte su un certo tipo di ricchezza, vuol dire che non se le merita.    

Commenti

Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
 

Copyright © 2009 Fondazione Sudi Tributari | Tutti i diritti riservati | CF/P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web