Area riservata

Newsletter

Nome:
E-mail:

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi
 60 visitatori online

Una teoria per i tributaristi

Questo sito vuol contribuire a una teoria della tassazione, conciliando quella ragionieristica attraverso le aziende con quella valutativa attraverso gli uffici. Pur cercando di essere comprensibile da tutti, parte da aspetti facilmente inquadrabili dagli operatori del settore. www.giustiziafiscale.com   si rivolge invece direttamente agli opinion makers e agli esponenti della pubblica opinione. Sull'organizzazione sociale in generale www.organizzazionesociale.com

Home Frodi fiscali Il gradualismo tra occultamenti e frodi
Il gradualismo tra occultamenti e frodi PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 12 Agosto 2009 00:00

La migliore forma di evasione fiscale è l'occultamento dei ricavi, ma qualche volta le proprie rigidità aziendali,  le segnalazioni dei clienti, o la richiesta di documentazione da parte loro, non lo consentono. Ricordiamoci che è meglio dividere col fisco che farsi imbrogliare dai dipendenti, o peggio ancora ricattare. Allora gradualmente, come è normale nelle scienze sociali, dall'occultamento si passa alla frode.

  La forma di frode più vicina all'occultamento, e forse abbastanza ingenua (ma pericolosa se diventa un comportamento di massa), è non registrare le fatture emesse, come abbiamo indicato nell'altro blog.

Più sofisticato e insidioso è il software taroccato che registra tutte le fatture, ma ne somma solo una parte, nella convinzione che nessuno si rimetterà mai a fare i conti a mano. Un mio amico avvocato, di quelli che assistono i grandi evasori, cioè piccole organizzazioni (diciamo 150 dipendenti) che fanno di queste cose, mi diceva di un suo cliente che aveva subito una ispezione della finanza e che tutto contento gli aveva detto che non si erano accorti della contabilità taroccata.

Poi si apre il capitolo delle Fatture per operazioni inesistenti, ma questo è noto ai lettori di dialoghi tributari. La più sicura è quella fatta in casa, riproducendo la carta intestata di un fornitore vero, di una ditta esistente. Mettendoci un conto bancario per un bonifico, in realtà intestato al padrone dell'azienda o a un suo fiduciario.Un filo conduttore di questi comportamenti è che, per porli in essere, basta un ragioniere di fiducia, con un pò di fantasia, e non servono certo consulenze sul regime giuridico del dichiarato (confermando che la consulenza inizia dove finiscono occultamenti e frodi). E' quindi un settore su cui non ho, e credo nessuno abbia, esperienze professionali dirette, ma dove si può solo immaginare. Immaginando mi viene in mente che chi compra fatture false da terzi sconosciuti è poco avveduto. Chi fa da se fa per tre. Un altro filo conduttore è la costituzione, accanto alla struttura amministrativa troppo rigida per essere manipolata, di strutture flessibili, che invece possono essere manipolate senza coinvolgere personale ammnistrativo, e che "danno costi" alla strruttura rigida, senza poi registrare i corrispondenti ricavi, o che sono ubicate, o schermate, da giurisdiizioni estere.

Commenti

Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
 

Copyright © 2009 Fondazione Sudi Tributari | Tutti i diritti riservati | CF/P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web