Area riservata

Newsletter

Nome:
E-mail:

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi
 36 visitatori online

Una teoria per i tributaristi

Questo sito vuol contribuire a una teoria della tassazione, conciliando quella ragionieristica attraverso le aziende con quella valutativa attraverso gli uffici. Pur cercando di essere comprensibile da tutti, parte da aspetti facilmente inquadrabili dagli operatori del settore. www.giustiziafiscale.com   si rivolge invece direttamente agli opinion makers e agli esponenti della pubblica opinione. Sull'organizzazione sociale in generale www.organizzazionesociale.com

Home Patrimonio e Atti giuridici Imu, residenza , prime case e abuso del diritto
Imu, residenza , prime case e abuso del diritto PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 32
ScarsoOttimo 
Patrimonio e Atti giuridici
Scritto da Raffaello Lupi   
Giovedì 19 Aprile 2012 08:12
I criteri di definizione di "prima casa" sembrano cambiati per limitare gli abusi, collegati a "residenze di comodo". Le agevolazioni, nelle intenzioni, dovrebbero spettare una volta sola per ciascuna famiglia, ma non  esiste una anagrafe delle famiglie. Esiste solo una anagrafe delle persone, e i separati o i singles, sono  sempre più numerosi. La norma secondo cui la riduzione spetta una sola volta per famiglia è una enunciazione di principio, che non si concilia con l'inciso secondo  cui "anche se i singoli componenti hanno "stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi" dello stesso Comune. In altri termini, i coniugi conviventi che posseggono due case e dichiarano residenze separate potranno applicare le detrazioni (ma anche l'aliquota agevolata, più bassa) alla sola abitazione in cui hanno "dimora abituale". Ma chi verifica se la dimora è abituale, che non risulta da nessuna parte? da dove si vede se i due sono separati di  fatto, perchè non c'è alcun "amorometro" pubblico a rivelarlo. Gli unici elementi sono le residenze , e la verifica dell'effettività delle residenze da parte dei comuni. Ma chi va a vedere se davvero  tizio  abita dove ha dichiarato di essere residente, se davvero riesce a ottenere la residenza lì? E poi nella legge come si presenta adesso la limitazione "anche se hanno stabilito la residenza in immobili diversi  nello stesso comune" sembra legalizzare le residenze di comodo nelle seconde case...Vedremo, ma è certo che mentre per il registro prima casa il requisito  dell'effettività della residenza è secondario, in quanto l'agevolazione si riferisce a un atto puntuale, come quello dell'acquisto, e si può dire che ognuno ha diritto a una "prima casa" in quanto "è la prima che compra", per l'IMU c'è un collegamento più forte con la dimora effettiva. Qual'è la logica sul piano della determinazione della ricchezza? E' il solito pasticcio delle imposte patrimoniali, su singoli cespiti, ignorando le situazioni complessive....Chi  ha fatto  uno  sforzo per comprare la casa in cui abita ha una situazione più meritevole di chi ha tre case, ciascuna data in uso a un figlio. E' un riflesso della perdita di controllo del territorio  da parte dei pubblici  poteri, dove i concetti controllabili non sono equi e quelli equi non sono  controllabili. Il prossimo passo è fare una radiografia dei criteri per individuare le "prime case". Con interessanti trade off tra la dichiarazione formale di residenza e la situazione reale....

Commenti

Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
 

Copyright © 2009 Fondazione Sudi Tributari | Tutti i diritti riservati | CF/P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web