Area riservata

Newsletter

Nome:
E-mail:

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi
 41 visitatori online

Una teoria per i tributaristi

Questo sito vuol contribuire a una teoria della tassazione, conciliando quella ragionieristica attraverso le aziende con quella valutativa attraverso gli uffici. Pur cercando di essere comprensibile da tutti, parte da aspetti facilmente inquadrabili dagli operatori del settore. www.giustiziafiscale.com   si rivolge invece direttamente agli opinion makers e agli esponenti della pubblica opinione. Sull'organizzazione sociale in generale www.organizzazionesociale.com

Home Patrimonio e Atti giuridici ma per la prima casa ici-imu conta la realtà o il catasto?
ma per la prima casa ici-imu conta la realtà o il catasto? PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Patrimonio e Atti giuridici
Scritto da Raffaello Lupi   
Domenica 15 Aprile 2012 07:55

L'argomento in oggetto è stato sollevato, in modo sensazionalistico, per l'imu, con tanti casi particolari, come quello dei vecchi ricoverati in case di riposo, che hanno una "prima casa", dove non ci sono , in quanto fisicamente alla casa di riposo con un problema che mi sembra risolubile interpretativamente, esattamente come era con l'ICI. La casa di riposo è solo una temporanea struttura "non abitativa" dell'infermo o del vecchio. Insomma , chiunque, finchè vive , ha diritto di utilizzare una "prima abitazione", anche se materialmente inabile a fruirne perchè infermo. Poi chi ci vuole scrivere farà una ricognizione dei referenti legislativi, ma quello suddetto mi pare il punto di equilibrio tra precisione e semplicità, poi nei referenti legislativi il  formalismo legalistico lascerà sempre i margini per fare gli stronzi. Invece più interessante , sempre sulla prima casa, ma da un altro punto di vista , è il possibile sfasamento tra situazione catastale e situazione reale, cioè quando due case catastalmente divise sono  di fatto unite. In proposito un signore mi scriveva questo "gr. Prof. LUPI  12/4/2012 l'ho vista anche oggi a Rai3 e mi complimento per la Sua chiarezza e praticità nelle risposte.  Desidererei un Suo parere su quanto andrò ad esporre : mia Moglie è diventata proprietaria - mortis causa - dell'abitazione dove attualmente viviamo che è composta di

2 (due) appartamenti censiti 'A/3' piano terra e I° piano,nello stesso plesso, intercomunicanti  tra loro e realmente adibiti alla nostra UNICA abitazione principale;per la tassazione I.C.I. siamo riusciti ad ottenere - su istanza di interpello Legge 212 /2000 - che la totalità dell'edificio sia considerata come prima casa e quindi esente dall'ICI appellandoci  alle  Sentenze di Cassazione nn° 25902/2008, 25729/2009,
3397/2010, 12269/2010 et Ordinanza 20567 7/10/2011. Anche l'Agenzia Entrate interpellata per la
stessa questione  - per l'IRPEF - ci comunica, per iscritto: "... anche ai fini IRPEF debba essere consentito
alla contribuente, in linea di principio, di considerare le due unità
immobiliare alla stregua di un'unica abitazione principale."La domanda a Lei rivolta è questa :
Considerando quanto sopra esposto e, inoltre, che l'art. 13
c.2 del DL 'Salva Italia' richiama il D.L. 504/1992 isitutivo dell'I.C.I.
possiamo avvalerci della prerogativa di considerare i due appartamenti come
un'unica entità e, conseguentemente,
pagare l' I.M.U. come Abitazione Principale sulla somma catastale delle
due A/3 ?  Consideri che sono già state
deliberate le aliquote :  6 et 8,8 /1000
(un vero salasso!)
Mi scuso per la lungaggine e rimango in fiduciosa attesa di
un Suo parere. I migliori saluti e ringraziamenti.

Ioo ho risposto come segue Onestamente cado dalle nuvole, io pensavo che facesse fede il dato
catastale. E quindi anche se di fatto la casa è unica, non si possono
avere due prime case catastali. Carta canta, come si dice....a
sensazione superficiale quindi, se ha fiducia nei precedenti da lei citati, siccome non è cambiato praticamente nulla nel concetto di prima casa, tirerei dritto come faceva per l'ici.

Liquidato questo simpatico signore, sottopongo ai lettori tributaristi del blog, e agli allievi del master,  la questione normativa della definizione di prima casa. In modo da coordinare precisione e controllabilità. I soliti "valori neutri" della determinazione della ricchezza ai fini tributari. magari vi vedete le cassazioni citate.

Commenti

Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
 

Copyright © 2009 Fondazione Sudi Tributari | Tutti i diritti riservati | CF/P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web