Area riservata

Newsletter

Nome:
E-mail:

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi
 59 visitatori online

Una teoria per i tributaristi

Questo sito vuol contribuire a una teoria della tassazione, conciliando quella ragionieristica attraverso le aziende con quella valutativa attraverso gli uffici. Pur cercando di essere comprensibile da tutti, parte da aspetti facilmente inquadrabili dagli operatori del settore. www.giustiziafiscale.com   si rivolge invece direttamente agli opinion makers e agli esponenti della pubblica opinione. Sull'organizzazione sociale in generale www.organizzazionesociale.com

Home Tax & Media Sole24ore suicidio tributario delle aziende
Sole24ore suicidio tributario delle aziende PDF Stampa E-mail
Tax & Media
Scritto da Raffaello Lupi   
Venerdì 21 Giugno 2013 06:35

Parlare senza dire nulla, ripetere sussiegosamente luoghi comuni, non è innocuo. Giorno dopo giorno impedisce di riflettere, mette in circolo banalità, intorpidisce la mente dei lettori. Sotto questo profilo, soprattutto sul fisco, il sole 24 ore innesca quel sonno della ragione che produce mostri, rappresentando un oggettivo ostacolo alla comprensione del ruolo delle aziende non solo nella società, ma soprattutto come

strumenti di determinazione della ricchezza ai fini  tributari e di riscossione delle imposte. Insomma di quella tassazione attraverso le aziende che si fa strada nell'opinione pubblica qualificata, a tutti i livelli, meno che in quel piccolo cremlino giornalistico che si chiama redazione di "norme e tributi". Ormai del tutto in preda al virus delle scienze sociali, che non è dire cose sbagliate, ma parlare senza dire nulla, e oltretutto in modo piatto e poco gradevole, prendendo -dalla tecnica- solo la  mancanza di brio. Il resto è banalità, e sono  quasi  uno sprazzo  di sereno, rispetto  al piattume dei  "collaboratori stabili", le interviste di buonsenso ad esterni, come Andrea  Bolla di confindustria, che almeno  parla di sostanza, non di normette e di tecnicismi enfatizzati. Poi magari sbaglia, ma ci si può inteloquire, si intravede una mentalità aperta, ancora disponibile a mettersi  in discussione, a riflettere, senza le sclerotizzazioni che ritroviamo nel cimitero mentale dell'accademia e anche nella redazione di norme e tributi. Però, caro  Bolla, tutte le semplificazioni di cui parli si  dirigono a una opinione pubblica con in mente un convitato di pietra, la ricchezza non registrata. Si proprio  quella che , dopo averti  intervistato , il tuo  giornale sbatte in prima pagina con i soliti titoli sensazionalistici, con bla bla bla sconclusionati , più violenti di  questo  di Marco Travaglio. Che però almeno si legge bene, mentre quelli del sole fanno venire il latte alle ginocchia, e soprattutto non fanno fare un passo  avanti al problema. Caro Bolla, o le aziende fanno capire di  essere loro gli  esattori del fisco, e che non sono le aziende a nascondere ricchezza, ma casomai i loro titolari, oppure è inutile parlare di semplificazioni. Ma vuoi vedere che parecchi  industrialotti hanno la coda di  paglia, e magari preferiscono che il fisco si  accanisca con le aziende, a colpi di  competenza e di abuso del diritto, perchè loro nell'ombra ancora continuano a nascondere quote importanti di ricchezza in modo assolutamente impermeabile a quella gigantesca sceneggiata che si chiama "tutoraggio  fiscale"?. Chi sa, magari sono  pochi, nel nostro capitalismo familiare.  Però a pensare male un pò ci si indovina. la verità, come sempre nelle scienze sociali, è un insieme di  tante componenti , ciascuna delle quali spiega qualcosa , ma non tutto. Probabilmente molti esponenti del capitalismo  familiare, forse paghi della ricchezza occultata dai nonni, e nascosta in qualche banca estera, possono  mantenere un tenore di vita lussuoso anche senza nascondere un centesimo al fisco. Per minore utilità marginale del denaro , non per onestà, così come il pasticcere o l'idraulico nascondono  ricchezza al fisco perchè "evadono  tanto  di poco". Ma tutti gli esponenti  del capitalismo familiare, e il giornale di confindustria, sono impermeabili ad una riflessione sul ruolo fiscale delle aziende. E non ci rimettono solo loro, ma ci rimette il paese. 

Commenti

Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
 

Copyright © 2009 Fondazione Sudi Tributari | Tutti i diritti riservati | CF/P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web