Area riservata

Newsletter

Nome:
E-mail:

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi
 30 visitatori e 1 utente online

Una teoria per i tributaristi

Questo sito vuol contribuire a una teoria della tassazione, conciliando quella ragionieristica attraverso le aziende con quella valutativa attraverso gli uffici. Pur cercando di essere comprensibile da tutti, parte da aspetti facilmente inquadrabili dagli operatori del settore. www.giustiziafiscale.com   si rivolge invece direttamente agli opinion makers e agli esponenti della pubblica opinione. Sull'organizzazione sociale in generale www.organizzazionesociale.com

Home Tassazione societaria Dividendi a enti non commerciali: un intervento di razionalizzazione
Dividendi a enti non commerciali: un intervento di razionalizzazione PDF Stampa E-mail
Tassazione societaria
Scritto da Raffaello Lupi   
Venerdì 17 Ottobre 2014 15:54

Una diffusa tecnica lobbistica è quella di definire gli interventi di razionalizzazione sulla determinazione dei tributi, come provvedimenti di "inasprimento fiscale" , se si osteggia  quanto ci fa pagare più tasse, oppure, all'inverso

di "agevolazione fiscale", se si osteggiano quelli che fanno pagare meno tasse ad altri, razionalizzando i criteri di determinazione dei tributi. Su questa premessa aver portato dal 5 percento al 77 percento l'imponibilità dei dividendi percepiti dalle fondazioni bancarie sostanzialmente allinea i dividendi in esame a quelli percepiti dalle persone fisiche non esercenti attività di impresa. E' sostanzialmente una applicazione della progressività a consumatori finali persone giuridiche , "enti morali" ; se ne era parlato con la riforma del 2002, dove si ipotizzava infatti di portare in progressività (IRPEF) anche gli enti non commerciali in capo ai quali il flusso reddituale "si patrimonializza". La tassazione al 5 percento dei dividendi intersocietari si giustifica infatti perchè il passaggio si trova  una fase intermedia rispetto all'arrivo del reddito al destinatario finale. Qui invece la fondazione bancaria è il destinatario finale. Resta solo da capire se la norma riguardi solo le fondazioni oppure tutti i soggetti IRES "non commerciali", come dovrebbe essere. Certo che la razionalizzazione , per certi versi, sarebbe stata quella di portare questi enti in progressività , ma sarebbe stato troppo complesso per il piatto relativamente modesto che penso comporti. Quindi meglio la soluzione più facile, adottata dal governo.  

 

 

Commenti

Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
 

Copyright © 2009 Fondazione Sudi Tributari | Tutti i diritti riservati | CF/P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web