Loading...

Area riservata

Newsletter

Nome:
E-mail:

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi
 11 visitatori online

Una teoria per i tributaristi

Questo sito vuol contribuire a una teoria della tassazione, conciliando quella ragionieristica attraverso le aziende con quella valutativa attraverso gli uffici. Pur cercando di essere comprensibile da tutti, parte da aspetti facilmente inquadrabili dagli operatori del settore. www.giustiziafiscale.com   si rivolge invece direttamente agli opinion makers e agli esponenti della pubblica opinione. Sull'organizzazione sociale in generale www.organizzazionesociale.com

Home Patrimonio e Atti giuridici Nullità contratti non registrati? cui prodest?
Nullità contratti non registrati? cui prodest? PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Patrimonio e Atti giuridici
Scritto da Raffaello Lupi   
Martedì 06 Aprile 2010 13:06
La disposizione  (egge n. 311/2004, cioè Finanziaria 2005) secondo cui sono nulli i contratti di locazione non registrati (“I contratti di locazione, o che comunque costituiscono diritti relativi di godimento, di unità immobiliari ovvero di loro porzioni, comunque stipulati, sono nulli se, ricorrendone i presupposti, non sono registrati”) è un altro caso in cui la rigidità normativa fa autogol, finendo addirittura per essere controproducente. Agevola infatti il proprietario, che prende i soldi dell'affitto in nero, anzichè l'inquilino, e non dissuade certo dagli affitti in nero!!.

            In questa direzione andava l’articolo 7 della legge n. 431/98, il quale subordinava l’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’immobile locato alla dimostrazione che il contratto di locazione fosse stato registrato, ma che fu dichiarato incostituzionale con la pronuncia n. 333/01, in quanto un onere tributario, condizionava l’esercizio di un diritto fondamentale.Viene violato anche l’articolo 10, comma 3 ultima parte, della L. n. 212/2000 (  Statuto del Contribuente) secondo cui “Le violazioni di disposizioni di rilievo esclusivamente tributario non possono essere causa di nullità del contratto”.Le ordinanze n. 420/2007 e n. 389/2008 della Corte Costituzionale si sono palleggiate il problema , che è ancora aperto e molto curioso. Ci aveva scritto anche Fedele su Riv Dir. trib. mi pare...

Commenti

Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
 

Copyright © 2009 Fondazione Sudi Tributari | Tutti i diritti riservati | CF/P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web