Loading...

Area riservata

Newsletter

Nome:
E-mail:

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi
 62 visitatori e 1 utente online

Una teoria per i tributaristi

Questo sito vuol contribuire a una teoria della tassazione, conciliando quella ragionieristica attraverso le aziende con quella valutativa attraverso gli uffici. Pur cercando di essere comprensibile da tutti, parte da aspetti facilmente inquadrabili dagli operatori del settore. www.giustiziafiscale.com   si rivolge invece direttamente agli opinion makers e agli esponenti della pubblica opinione. Sull'organizzazione sociale in generale www.organizzazionesociale.com

Home Occultamento ricavi ma è possibile taroccare le ricevute fiscali?
ma è possibile taroccare le ricevute fiscali? PDF Stampa E-mail
Occultamento ricavi
Scritto da Raffaello Lupi   
Mercoledì 17 Agosto 2011 20:25

Una agenzia di stampa riporta uno strano metodo utilizzato da un albergatore per fingere l'emissione di ricevute fiscali "taroccate" facendo una fotocopia a colori di quelle vere nei loro moduli prestampati..ma mi chiedo se la ricevuta fiscale, ormai secondo me anacronistica, non si stampa a ricalco su bollettini

"madre e figlia" ..allora come fai a fotocopiare quelli? Cioè a farti un libretto di ricevute fiscali "parallele", ufficiose, che emetti e poi distruggi perchè tanto solo in fotocopia. Mentre l'originale resta intonso? Comunque la notizia è questa

"Aveva messo a punto un ingegnoso sistema per evadere le imposte emettendo comunque regolare fattura. Almeno all'apparenza. Nei guai il titolare di un albergo a tre stelle di via Enna a Marebello finito nel mirino della Guardia di Finanza, durante i controlli di Ferragosto. A tradire il titolare in realtà è stata l'agitazione alla vista dei militari che pure, dopo aver controllato le ricevute fiscali di alcuni clienti in uscita, non avevano riscontrato apparenti anomalie. Alla vista del nervosismo dell'uomo sono però scattati accertamenti più approfonditi da parte dei finanzieri che hanno ritrovato una cartellina con molte fotocopie a colori di ricevute non scritturate con una numerazione coincidente a quella rilasciata al gruppo di persone che aveva appena lasciato la struttura. In sostanza il titolare, per evadere le tasse, invece di non emettere il documento fiscale, per ogni ricevuta “originale” ne effettuava numerose copie con lo stesso numero di serie. In questo modo al primo cliente veniva rilasciato il documento valido mentre ai seguenti la fotocopia a colori di questo. Le copie non originali venivano poi distrutte una volta che il cliente lasciava l'albergo convinto di avere in mano un documento in regola... (da newsrimini.it)"

A parte i tecnicismi su come taroccare le ricevute fiscali, le segnalazioni delle tipografie autorizzate, etc.. etc., tutto da rimodernare...e da conciliare con gli studi di settore..un messaggio è chiaro. Portare la ragioneria , la burocrazia , i contrasti di interessi dove non c'è l'azienda, con le sue rigidità, fa perdere solo tempo.

Commenti

Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
 

Copyright © 2009 Fondazione Sudi Tributari | Tutti i diritti riservati | CF/P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web