Area riservata

Newsletter

Nome:
E-mail:

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi
 69 visitatori e 2 utenti online

Una teoria per i tributaristi

Questo sito vuol contribuire a una teoria della tassazione, conciliando quella ragionieristica attraverso le aziende con quella valutativa attraverso gli uffici. Pur cercando di essere comprensibile da tutti, parte da aspetti facilmente inquadrabili dagli operatori del settore. www.giustiziafiscale.com   si rivolge invece direttamente agli opinion makers e agli esponenti della pubblica opinione. Sull'organizzazione sociale in generale www.organizzazionesociale.com

Home Occultamento ricavi Scontrino telematico in tempo reale al fisco?
Scontrino telematico in tempo reale al fisco? PDF Stampa E-mail
Occultamento ricavi
Scritto da Administrator   
Sabato 06 Agosto 2011 00:00

Sul diritto tributario comparato ci sono tante leggende metropolitane, visto che neppure ci orientiamo su quello interno, però mi si ripete da più parti che in alcuni paesi balcanici (Montenegro e Albania) stanno introducendo scontrini fiscali emessi tramite apparecchiature gps, che non solo vengono consegnati al cliente , ma sono contestualmente trasmessi in una memoria centrale della locale agenzia delle entrate. Non è la soluzione finale contro l'evasione, rappresentata solo dalla comprensione da parte dell'opinione pubblica del cuore del problema, con la fine della schizofrenia sociale, il rasserenamento del clima  e l'affidamento agli studiosi e ai tecnici dei dettagli, che messi insieme fronteggiano pragmaticamente il problema, senza inutile spirito di crociata (anzi controproducente).

Lo scontrino telematico assieme al piantonamento di cassa, e alla segnalazione dei clienti aziende, è un dettaglio importante per determinare ai fini tributari la ricchezza di quegli "autonomi" che operano "al pubblico", e soprattutto non hanno tempo per "trattare" con il cliente, con cui non hanno quel rapporto "personalizzato" tipico invece degli artigiani che svolgono prestazioni ricorrenti (parrucchieri, ristoratori) oppure con un elevato valore unitario (fabbri, falegnami, etc.). E' chiaro che qualche scontrino non sarebbe comunque battuto , però si arresterebbe il fenomeno secondo cui le prestazioni scontrinate non sono poi registrate, contando sulla rarità e difficoltà degli incroci "scontrini-registrazioni". Lo stesso criterio potrebbe essere inserito per le ricevute fiscali. Il punto forte di questo controllo è la visibilità dei processi di scontrinazione, soprattutto nei locali a forte turnover di clienti sconosciuti. Con utile abbinamento col piantonamento di cassa.  Naturalmente non è uno strumento che risolve tutto, ma è bene sapere che , dove la tassazione attraverso le aziende non arriva, non ci sono strumenti contabili sostitutivi , gestibili dal fisco, ma strumenti valutativi complementari tra di loro. Rispetto alla determinazione contabile attraverso le aziende sono strumenti di una certa inevitabile grossolanità. Che bisogna cercare di ridurre, ma che va accettata. 

Commenti

Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
 

Copyright © 2009 Fondazione Sudi Tributari | Tutti i diritti riservati | CF/P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web