Area riservata

Newsletter

Nome:
E-mail:

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi
 52 visitatori online

Una teoria per i tributaristi

Questo sito vuol contribuire a una teoria della tassazione, conciliando quella ragionieristica attraverso le aziende con quella valutativa attraverso gli uffici. Pur cercando di essere comprensibile da tutti, parte da aspetti facilmente inquadrabili dagli operatori del settore. www.giustiziafiscale.com   si rivolge invece direttamente agli opinion makers e agli esponenti della pubblica opinione. Sull'organizzazione sociale in generale www.organizzazionesociale.com

Home Economia, diritto e tributi Lega equità fiscale (LEF): perchè chi è informato disinforma?
Lega equità fiscale (LEF): perchè chi è informato disinforma? PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 30
ScarsoOttimo 
Economia, diritto e tassazione
Scritto da Raffaello Lupi   
Domenica 29 Aprile 2012 07:21

La lega per l'equità fiscale non è composta di personaggi estranei al fisco, perchè si tratta di ex dirigenti dell'amministrazione finanziaria. Che conosco personalmente e quindi so che

 

non ignorano  la differenza tra ricchezza non registrata, evasione interpretativa ed elusione, tutta da spiegare a chi non si occupa di fisco. Invece -già su questo pezzo che abbiamo  già commentato, trascurano completamente la differenza tra ricchezza non registrata e maggiore imposta accertata su questioni interpretative, in cui rientra anche l'elusione vera o presunta. Nell'evasione interpretativa nulla viene nascosto al fisco e nell'elusione tutto è a portata di mano, controllabile , soprattutto in capo ai grandi contribuenti. Allora perchè scrivono concetti  palesemente fuorvianti ? perchè confondono la maggiore imposta accertata con la ricchezza non registrata? perchè prendono in giro i loro ascoltatori e lettori? Perchè fomentano lacerazioni sociali sul nulla? Perchè alimentano il desiderio di un capro espiatorio? Perchè fa pensare che le aziende siano grandi  pasticceri che fanno  miliardi di nero? Perchè favoriscono chi occulta la ricchezza anche a livello medio? Perchè alimentano l'inferno della ricchezza registrata e il paradiso di quella nascosta? Perchè fingono di non capire che l'elusione non c'entra nulla con la ricchezza nascosta? Per cavalcare la spirale di odio e di recriminazioni che sta lacerando questo paese?  O semplicemente desiderio di visibilità personale, per far vedere di esserci in questo grande circo mediatico? Non lo so, comunque sono discorsi ed equivoci che oggettivamente disgregano l'organizzaSalvazione sociale, fanno sprecare energie accertative, agevolano la ricchezza nascosta al fisco, ostacolano la formazione di una consapevolezza condivisa tra i vari settori dell'opinione pubblica sul concetto stesso di evasione. Oggettivamente, caro Oreste Saccone, questa è disinformazione sociale, che lì per lì ti dà visibilità, ma fa del male al paese e impoverisce le capacità di  riflessione dei lettori. Perchè lo fai?

Elusione fiscale, nuove regole: non sarà più reato. Un regalo per i grandi evasori

Nella delega fiscale del governo viene depenalizzata l'elusione fiscale. E si rischia un mega-condono per le indagini sulle grandi operazioni finanziarie in corso

Pubblicato il 24/04/12 in Tasse| TAGS: evasione fiscaleelusione fiscaleabusoreato
elusione fiscale reato
LOTTA ALL'EVASIONE

nuovo redditometro vociSpesometro, in arrivo la scadenza per il 2011. Ma da quest'anno cambiano le regole

Entro il 30 aprile i negozianti comunicheranno al fisco i nostri dati per gli acquisti del 2011 superiori ai 3.600 euro. Verranno usati come spie di redditi nascosti

In tempi di giri di vite contro l'evasione fiscale, che a quanto pare cominciano a dare qualcherisultato, a molti questa notizia suona male. La regolamentazione dell'elusione fiscale(tecnicamente chiamata anche "abuso di diritto"), introdotta dal governo nella Ddl di delega fiscaleappena varato, rischia di diventare un clamorosoautogol per il fisco e un gran bel regalo ai grandi evasori. Lo sostiene l'associazione "Legalità ed equità fiscale". Per due ragioni principalmente:

• non si applica agli accertamenti in corso e quindi potrebbe diventare un condono di fatto e gratuitoper grandi imprese e banche e per le loro sofisticate operazioni finanziarie (solo nel 2011 sono stati accertati ai grandi evasori oltre 5,5 miliardi e ne sono stati incassati 1,7 con una crescita dell'800% sul 2007),

• e soprattutto, per il futuro, depenalizza l'elusione.

Vantaggi legali per usi illegali

L'art. 6 della Ddl introduce nuovi principi per disciplinare l'elusione fiscale, cioè, come recita la legge stessa, "l'uso distorto di strumenti giuridici idonei ad ottenere un risparmio d’imposta, ancorché tale condotta non sia in contrasto con alcuna specifica disposizione". 

Si tratta in sostanza di quei comportamenti che sfruttano le pieghe del sistema fiscale (benefici e regimi di tassazione agevolati) per fini impropri. Intestazioni di beni di lusso a società di comodo, residenze all'estero e via dicendo: tutte attività formalmente "legali" ma attuate col solo scopo dipagare meno tasse.

La nuova disciplina stabilisce appunto che l'operazione è lecita solo se "giustificata da ragioni extrafiscali non marginali". Ma spetta al fisco dimostrare "il disegno abusivo e le modalità di manipolazione e di alterazione funzionale degli strumenti giuridici utilizzati" e anche descrivere nel dettaglio la presunta condotta abusiva.

Ma il provvedimento allarga le maglie soprattutto quando vuole "escludere la rilevanza penale dei comportamenti ascrivibili a fattispecie abusive". L'elusione non sarà più reato anche se sottrae al fisco milioni di euro. Un paradosso se si pensa alle sanzioni per un mancato scontrino. "In concreto - sostiene Oreste Saccone sulla rivista Fiscoequo - ai fini penali viene introdotto un discrimine tra i grandi contribuenti e tutti gli altri". (A.D.M.)

 

 

Commenti

Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
 

Copyright © 2009 Fondazione Sudi Tributari | Tutti i diritti riservati | CF/P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web