Area riservata

Newsletter

Nome:
E-mail:

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi
 19 visitatori online

Una teoria per i tributaristi

Questo sito vuol contribuire a una teoria della tassazione, conciliando quella ragionieristica attraverso le aziende con quella valutativa attraverso gli uffici. Pur cercando di essere comprensibile da tutti, parte da aspetti facilmente inquadrabili dagli operatori del settore. www.giustiziafiscale.com   si rivolge invece direttamente agli opinion makers e agli esponenti della pubblica opinione. Sull'organizzazione sociale in generale www.organizzazionesociale.com

Home Teoria della tassazione dal legalistico-processuale all'amministrativistico economico: un attimo di pazienza
dal legalistico-processuale all'amministrativistico economico: un attimo di pazienza PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Teoria della tassazione
Scritto da Raffaello Lupi   
Mercoledì 20 Giugno 2012 06:58

Un attimo di pazienza, per qualche giorno i post rallenteranno, in quanto  stiamo  creando la cornice per inserire tutti gli episodi particolari che commenteremo su questo sito, prendendo atto che è fallita l'impostazione "legalistico-processuale" del diritto tributario, che deve tornare

al più presto, nell'interesse degli operatori e nell'interesse del paese, ad una sana impostazione di "Diritto amministrativo dei tributi". Sto quindi  predisponendo un volume con questo titolo, di cui metto  qui l'indice provvisorio. E' finalmente l'addio alla spiegazione , ancorchè scritta bene, dei materiali normativo-dottrinali, Quindi i posts si diraderanno per un pò, in attesa di questa nuova cornice in cui contestualizzarli. E poi riproporli su Dialoghi, di cui  il terzo numero uscirà un pò in ritardo per questo  motivo. Ma bisogna dare una cornice al contingente, altrimenti andremo avanti all'infinito commentando una attualità che divora se stessa.

 

Commenti

avatar FaGal
0
 
 
Sono d'accordo con il progetto ma con una visione ben specifica.

Come il diritto tributario ha regole sostanziali che hanno una loro "autonomia" (purtroppo meno valorizzata dalla dottrina di quanto sarebbe opportuno), sebbene spesso siano mutuate da altre scienze giuridiche ed economiche che necessariamente lo influenzano, allo stesso modo il diritto amministrativo dei tributi non deve ritornare ad essere un ramo del diritto amministrativo.

Per provare ad esemplificare quello che intendo: il criterio di buona fede e correttezza nel rapporto con il contribuente é un principio che ha matrice civilistica. Nessuno si sogna di immaginare il rilascio di una licenza o l'accertamento tecnico di una fattispecie da parte di un ente locale basato sulla buona fede. La buona fede é un concetto civilistico che attiene alla correttezza del comportamento tra due parti legate da un rapporto che nell'ambito privato riposa su un contratto, in quello tributario su regole dettate dal legislatore e sulle interpretazioni ufficiali che ne da una parte attraverso i propri atti.
Il diritto al contraddittorio cioé il diritto di difesa del contribuente prima che venga emesso un atto o prima che sortisca conseguenze definitive (che spieghi la propria efficacia provvedimentale, come direbbe un amministrativis ta) é un principio cardine dell'ordinament o fiscale di ogni Paese che é stato sconosciuto al diritto amministrativo italiano fino al 2005, quando con la L. 15/2005 il Legislatore ha innovato il procedimento amministrativo prevedendo un diritto di difesa anteriormente all'adozione del provvedimento (art. 10bis L. 241/90).
Quindi anche per la richiesta delle imposte vanno elaborati concetti ed analisi che tengano conto, sotto il profilo interpretativo, delle peculiarità del diritto tributario, evitando appiattimenti sulle regole amministrative generali
Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
Ultimo aggiornamento Mercoledì 20 Giugno 2012 07:16
 

Copyright © 2009 Fondazione Sudi Tributari | Tutti i diritti riservati | CF/P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web