Loading...

Area riservata

Newsletter

Nome:
E-mail:

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi
 21 visitatori e 1 utente online

Una teoria per i tributaristi

Questo sito vuol contribuire a una teoria della tassazione, conciliando quella ragionieristica attraverso le aziende con quella valutativa attraverso gli uffici. Pur cercando di essere comprensibile da tutti, parte da aspetti facilmente inquadrabili dagli operatori del settore. www.giustiziafiscale.com   si rivolge invece direttamente agli opinion makers e agli esponenti della pubblica opinione. Sull'organizzazione sociale in generale www.organizzazionesociale.com

Home Controlli e contenzioso ius superveniens e processo tributario
ius superveniens e processo tributario PDF Stampa E-mail
Controlli e contenzioso
Scritto da Raffaello Lupi   
Sabato 13 Dicembre 2014 16:19

Se nel corso del processo sopravviene una disposizione normativa da cui viene ridimensionata la pretesa tributaria, bisogna chiedersi se questa "faccia parte" del processo, perchè esso riguarda l'intero rapporto controverso, oppure ne sia estranea, perchè il processo riguarda

l'atto impugnato, cui lo IUS superveniens è estraneo, in quanto ancora non esisteva al momento dell'impugnazione; varie possono essere le vicende processuali al momento dell'emanazione dello ius superveniens. Se il contribuente è in quel momento totalmente vittorioso, mentre lo ius superveniens comporterebbe un onere tributario, egli potrebbe restare inerte. Se invece egli fosse soccombente, potrebbe chiedere all'ufficio, in autotutela, e in corso di giudizio,  di applicare lo ius superveniens, qualora ritenga insufficienti le possibilità di vittoria totale. Il giudice delle successive fasi del processo dovrebbe applicare d'ufficio lo ius superveniens , in via gradata, qualora non ritenga di accogliere in toto le ragioni originarie del contribuente. Ma se il giudice disapplica "in malam partem" lo ius superveniens, disattendendo le tesi del contribuente, come se la norma sopravvenuta non esistesse? Questo si traduce in motivo di appello, ma se la sentenza passa in giudicato, oppure se l'omissione viene compiuta dalla corte di cassazione. Allora delle due l'una. O si ritiene che lo ius superveniens sia comunque estraneo al processo, perchè il processo riguarda l'atto, e allora si fa l'autotutela a prescindere dal giudicato. Oppure si procede in revocazione della sentenza. A mio avviso la soluzione buona è la prima. Sarebbe da chiedersi incidentalmente se ci sia una responsablità personale del giudice che non ha applicato lo ius superveniens, senza alcun commento, magari quando esso era stato riversato in giudizio da una delle parti. L'articolo si può riallacciare a Vignoli, RL  Sull'applicabilità d'ufficio delle mitigazioni sanzionatorie previste «ex lege» dopo l'introduzione del giudizio, DIaloghi n.4 2013 

Commenti

Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
 

Copyright © 2009 Fondazione Sudi Tributari | Tutti i diritti riservati | CF/P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web